La cantina dei pastori - TeatroMio

Vai ai contenuti

Menu principale:

La cantata dei pastori

Per il nostro allestimento de "La cantata...", il regista nella sua riduzione e nell'adattamento, ha inteso renderla più "immediata" e "scorrevole", pur salvaguardando il significato di tradizione che essa contiene.

I dialoghi delle scene sacre sono stati ridotti, pur conservandone la misticità, allo scopo di non favorire eventuali distrazioni del pubblico a vantaggio di una maggior comprensione; è noto infatti che di solito, il pubblico che assiste alla "Cantata...", impaziente nell'attesa di Razzullo e Sarchiapone, si deconcentra in altre scene, mancando di apprezzarne l'armonia e il significato. Le scene sono semplici ed essenziali, come da tradizione.

Le musiche, quasi tuttE inedite, sottolineano coerentemente gli eventi e i personaggi, arricchendone notevolmente l'impatto scenico.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu